Giardino di Leonardo

  • 02_FOTO_PARCHEGGIO
  • 03_FOTO_GIARDINO
  • 04_FOTO_GIARDINO
  • 05_FOTO_STRADA
  • 06_FOTO_ROTONDA
  • 07_FOTO_PONTE_DI_LEONARDO
  • 08_DISEGNO_PONTE_DI_LEONARDO
  • 09_FOTO_SPARTITRAFFICO
  • 10_FOTO_ROTATORIA
  • 11_FOTO_CICLABILE
  • 12_FOTO_FONTANA
  • 13_FOTO_GIARDINO
  • 14_FOTO_PARCHEGGIO
  • 01-PLANIMETRIA
  • 16 FOTO (FILEminimizer)
  • 15 FOTO (FILEminimizer)
  • 17 FOTO (FILEminimizer)
  • 15_FOTO_INTERNO
 

A seguito dell’ampliamento del centro commerciale Ipercoop di Imola è stata rivista anche la viabilità esterna ed è stato creato un giardino pubblico.
In coerenza con il nome del centro commerciale, che vuole commemorare il grande Leonardo da Vinci, anche il giardino qui realizzato, viene dedicato all’artista-inventore-osservatore riconosciuto in tutto il mondo.

In quest’area sono state riportate alcune invenzioni o intuizioni di Leonardo, adattandole alle esigenze progettuali.
Leonardo da Vinci intuì la vera origine dei fossili presenti nelle colline attorno a Firenze, capendo per primo, che erano fossili originatisi in lontani mari, gettando le basi per la moderna paleontologia.
In onore di tale deduzione si è realizzata la rotatoria dell’ammonite
Un’altra delle rotatorie di nuova costruzione, verrà dedicata ad una delle più semplici, ma allo stesso tempo geniali, invenzioni di Leonardo da Vinci in campo di ingegneria dei ponti, cioè il ponte autoportante.

Questa struttura se pur semplice costruttivamente e strutturalmente è di grande genialità. Si tratta di una costruzione composta da travi a sezione circolare senza legature o chiodi. Infatti le parti longitudinali bloccano a forbice quelle trasversali, più aumenta il carico sul ponte più aumenta la stabilità della struttura.
Il ponte collega idealmente i due lati della rotatoria, separati dal fiume di pietra, rivestiti con un tappeto di Sedum come la rotatoria precedente.

Progettisti: G. Baruzi, D. Montanari

Permalink