Un giardino sopra i calanchi

  • 01 FOTO (FILEminimizer)
  • 02 FOTO (FILEminimizer)
  • 03 FOTO (FILEminimizer)
  • 04 FOTO (FILEminimizer)
  • 05 FOTO (FILEminimizer)
  • 06 FOTO (FILEminimizer)
  • 07 FOTO (FILEminimizer)
  • 08 FOTO (FILEminimizer)
  • 09 FOTO (FILEminimizer)
  • 10 FOTO (FILEminimizer)
  • 11 FOTO (FILEminimizer)
  • 12 FOTO (FILEminimizer)
  • 13 FOTO (FILEminimizer)
  • 14 FOTO (FILEminimizer)
  • 15 FOTO (FILEminimizer)
  • 16 FOTO (FILEminimizer)
  • 17 PLANIMETRIA GENERALE (FILEminimizer)
 

Sulle colline imolesi, in posizione dominante, sorge una villa di nuova costruzione. Nel retro del lotto si ha una splendida vista non valorizzata sulla valle e sui calanchi sottostanti. Una macchia di robinie diffusesi spontaneamente, divide il giardino da questo splendido paesaggio.

La proprietà richiedeva la valorizzazione della villa e la creazione di un ampio solarium, per godersi l’estate.Il progetto prevede l’apertura di una vista prospettica sulla valle, attraverso la macchia di arbusti spontanei.

Il solarium si è inserito al posto degli arbusti, in posizione comoda. Si è creata una pavimentazione ghiaiata a forma ellittica, sulla quale si possono appoggiare i lettini e il tavolo. La creazione di questa zona pianeggiante, ha reso necessaria la costruzione di un muro a secco di contenimento del terreno, utilizzando grandi blocchi di arenaria. Sul muretto è stata inserita una piccola fontanella sempre in pietra.Nella parte alta del giardino, si è creata una piccola area di sosta, sempre di forma ellittica con ghiaiata, per potersi isolare a leggere, rilassarsi o semplicemente godere della brezza, che qui spira per tutta l’estate.

Un percorso in lastre di arenaria unisce tutte le zone di sosta con la casa.All’ombra della macchia di alti arbusti sono state piantate delle ortensie, in posizione soleggiata fanno bella mostra di sé delle rose.Nella parte anteriore del giardino, verso la strada, si è piantata una grande macchia alberi e arbusti fioriferi, che danno privacy alla casa.

Progettista: Dimitri Montanari

Permalink