Una stanza chiamata giardino

  • 01 FOTO (FILEminimizer)
  • 02 FOTO (FILEminimizer)
  • 03 FOTO (FILEminimizer)
  • 04 FOTO (FILEminimizer)
  • 05 FOTO (FILEminimizer)
  • 06 FOTO (FILEminimizer)
  • 07 FOTO (FILEminimizer)
  • 08 FOTO (FILEminimizer)
  • 09 FOTO (FILEminimizer)
  • WP_20160607_011 (FILEminimizer)
  • 11 FOTO (FILEminimizer)
  • 12 PLANIMETRIA (FILEminimizer)
 

In una villetta a schiera, di nuova costruzione, nella periferia di Forlì (Fc), la proprietà volle creare un ambiente esterno pratico e confortevole.

Il progetto propose la creazione di un ampia zona pavimentata in legno di teak, per accogliere il soggiorno esterno e il solarium. Il soggiorno esterno è un ampliamento di quello interno ed è ombreggiato da un pergolato in ferro zincato con copertura in tenda a lamelle orientabili retraibile in alluminio.

Vicino a questa zona pavimentata, un ampia macchia di rose e due melograni, posti all’interno di due fioriere incassate nel terreno danno colore ed arredo allo spazio. Ai piedi dei melograni piante aromatiche utili in cucina.Un prato posteriore, di forma rettangolare è circondato da una siepe perimetrale di piante sempreverdi, che prosegue tutto attorno al giardino, per dare pivacy.

Anteriormente un altro prato di forma quadrata è utilizzabile come parcheggio, tale funzione è permessa da un grigliato in materiale plastico, che consente il parcheggio dei veicoli senza danneggiare il manto erboso. Il grigliato scompare con la crescita dell’erba. Un grande acero permette di ombreggiare il parcheggio.Un’altra zona di sosta, verrà creata davanti al portone del garage, ombreggiata con un pergolato simile a quella descritta in precedenza.Tutte le piante introdotte avranno fioritura di colore bianco.

Al piano superiore due grandi fioriere accoglieranno del cotoneaster ricadente e delle piante fiorifere, per addolcire le facciate del fabbricato.

Progettista: Dimitri Montanari

Permalink